Lettera aperta del Presidente alle famiglie Ariete Onlus

Data di Pubblicazione: 18/02/2013 – 16:22:06                

Napoli, 18 febbraio 2013

Care famiglie, a seguito dell’incontro di sabato con la maggioranza di Voi “coppie Ariete”, residenti nella macroarea Italia meridionale, sento la necessità di scriverVi pubblicamente al fine di contenere il susseguirsi di notizie fuorvianti e inutili al percorso adottivo pubblicate on-line, in particolare nei forum proprio da Voi in attesa di adottare o già genitori adottivi.

Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato sabato all’incontro a Napoli perché hanno confermato che la loro scelta per Ariete Onlus è stata sicura e determinante. Ho capito quanto ognuno di Voi si senta contiguo, concatenato a ogni altra coppia, a me e ad Ariete nel suo complesso per il viaggio verso la genitorialità. Ho apprezzato la serietà e la compostezza delle famiglie del sud Italia, anche l’ironia. E ho ammirato il loro contegno ed il loro rispetto nei confronti di chi deve ancora ricevere notizie specifiche e dettagliate: non ho chiesto, come qualcuno ha scritto on-line, nessun “patto di riservatezza” o addirittura ho proibito di “parlare di noi”… Io ho giustamente da sempre sottolineato quanto sia dannoso “chiacchierare” senza reale contezza di questioni delicatissime. Quindi, coloro che erano presenti sabato non hanno sentito la necessità di divulgare impropriamente notizie peculiari che vanno discusse di persona col rispetto dei luoghi, delle fonti e dei mezzi di diffusione. Le famiglie che hanno già ricevuto spiegazioni e soluzioni rispetto al momento da affrontare hanno scelto la strada della responsabilità. Ecco, questa preferenza ho potuto sollecitarla! Non si può far nulla se non si affrontano i problemi con la serietà ed il rispetto. Ognuno di Voi, a ragione, è preoccupato del futuro e questo è un tema che chiama tutti noi alla responsabilità comune, per uscire insieme dalle complicazioni e promuovere le soluzioni e individuare le opportunità che ci consentiranno di realizzare l’interesse dei bambini. L’ascolto, il dialogo, l’incontro sono parte del mio ruolo e, per questo, mi sto impegnando per parlare con ognuno di Voi di persona e per scegliere insieme il migliore atto da portare avanti per ogni singolo caso perché la capacità di sostenere il compito di presiedere un organismo che si occupa di intermediazione adottiva internazionale sta proprio nell’attitudine ed elasticità ad individuare le soluzioni alle problematiche determinate dalle più disparate esigenze estere. Vi rinnovo il mio impegno e, in attesa di incontrarVi tutti, Vi saluto con affetto.

Anna Benedetta Torre